HORIZON: AN AMERICAN SAGA La seconda parte non uscirà al cinema nel mese di agosto  —  CINÉ 2024 2 – 5 Luglio 2024 - le Giornate Professionali di Cinema di Riccione

BOX-OFFICE 21 – 23 GIUGNO 2024

INTANTO NEGLI STATI UNITI

21 - 23 GIUGNO 2024 USA

  • 01
    INSIDE OUT 2 $ 101.210.550 – 4.440 sale
  • 02
    BAD BOYS: RIDE OR DIE $ 18.866.176 – 3.781 sale
  • 03
    THE BIKERIDERS $ 9.698.575 – 2.642 sale

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Inside Out 2 continua a sorprendere. Al suo secondo week-end negli Stati Uniti supera nuovamente i 100 milioni di dollari di incasso raggiungendo un totale di 356,3 milioni di dollari in patria e ben 728,9 milioni di dollari in tutto il mondo. Un calo solo del 35% rispetto al fortissimo debutto che lo porta a diventare il settimo secondo fine settimana più alto della storia e il migliore di sempre per un film di animazione. E siamo solo all’inizio. Difficile ipotizzare il punto di arrivo, ma il miliardo di dollari sembra decisamente alla portata.

Completano il podio Bad Boys: Ride or Die, che al terzo week-end regge molto bene perdendo il 44,1% per un totale di 147 milioni di dollari (il 50,8% del totale di 289,2 milioni di dollari) e la nuova uscita dal cast all stars The Bikeriders che però non ha il supporto dei mercati extra americani, dove incassa solo 3,9 milioni di dollari (il 29,1% del totale di 13,6 milioni di dollari).

Deboli le nuove uscite: L’esorcismo – Ultimo atto con Russell Crowe arriva in 2.240 sale ma non va oltre il 7° posto, con 2,4 milioni di dollari, e la commedia con un’esuberante protagonista novantatreenne Thelma esordisce all’8° posto, con 2,3 milioni di dollari in 1.290 sale.

Incoraggiante il debutto di Kinds of Kindness che in sole 5 sale ottiene 377 mila dollari, conquistando un’ottima media per sala di 75.457 dollari. Vedremo come reagirà la prossima settimana in cui si aggiungeranno circa 500 schermi.

A tutti è tornato il sorriso, ma un box-office che (soprav)vive grazie a un unico titolo non è certo sano e si limita a mettere i problemi tra parentesi. Non cediamo allo sconforto, ma non illudiamoci nemmeno troppo: il cinema in sala ha certamente bisogno di titoli forti che facciano il loro dovere, ma anche di titoli medi che funzionino altrettanto bene. E, per ora, Inside Out 2 è una bomba, mentre il resto sonnecchia alquanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *