I DIECI MIGLIORI DEBUTTI DELLA STAGIONE 2023/2024 ...fino ad ora...  —  QUESTIONE DI SCELTE gli equilibri sottili tra cinema e streaming

BOX-OFFICE 23 – 25 FEBBRAIO 2024

INTANTO NEGLI STATI UNITI

23 -25 FEBBRAIO 2024 USA

  • 01
    BOB MARLEY- ONE LOVE $ 13.500.000 – 3.597 sale
  • 02
    DEMON SLAYER: KIMETSU NO YAIBA - VERSO L'ALLENAMENTO DEI PILASTRI $ 11.575.000 – 1.949 sale
  • 03
    ORDINARY ANGELS $ 6.500.000 – 3.020 sale

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Ultima settimana di passione per il box-office U.S.A. prima dell’arrivo di Dune – parte due verso cui ci sono, giustamente, grandi aspettative. La flessione, rispetto a un anno fa, è del 32%.

Fatica poco, quindi, Bob Marley – One Love a mantenere la prima posizione, con però un calo del 52,9% rispetto al debutto della scorsa settimana e con un totale che ha già raggiunto 71,1 milioni di dollari. Insomma, un successo, e nel mondo siamo a 120,5 milioni di dollari.

Al secondo posto, anche negli States come in Italia, la nicchia di amanti degli anime fa sentire la sua voce, con Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba – Verso l’allenamento dei pilastri che debutta leggermente meglio dei 10,1 milioni di dollari del precedente Demon Slayer: Kimetsu No Yaiba – Verso il villaggio dei Forgiatori di Katana, ma molto peggio dei 21,2 milioni di dollari di Demon Slayer – Il treno Mugen. Insomma, un solido risultato ma senza superlativi.

Ordinary Angels con Hilary Swank mostra l’incidenza dei film a tematica religiosa, in assenza di titoli forti un’altra nicchia in grado di funzionare, anche se l’esordio è modesto e in linea con i numeri bassi delle ultime sconsolanti settimane.

L’unica altra nuova uscita di rilievo è l’action-comedy-thriller Drive-Away Dolls, diretto da Ethan Coen in solitaria senza il fratello Joel, ma il pubblico non è accorso: 8° posto – 2,4 milioni di dollari in 2.280 sale, con una media per sala assai modesta di 1.052 dollari.

Da segnalare infine, in quello che si spera sia l’ultimo box-office U.S.A. da dimenticare, la caduta a perpendicolo di Madame Web, che esce dal podio (4° posto – 6 milioni di dollari – totale U.S.A. 35,4 milioni di dollari) e perde il 60,9% rispetto all’esordio della scorsa settimana, confermandosi il secondo flop dell’anno dopo il fallimentare Argylle (6° posto – 2,8 milioni di dollari – totale U.S.A. 41,6 milioni di dollari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *