IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 2 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 1 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

BOX-OFFICE 3 AGOSTO 2023

IL BOX-OFFICE DEL GIOVEDÌ

3 AGOSTO 2023 Italia

  • 01
    BARBIE € 735.520 – 98.757 presenze
  • 02
    SHARK 2 - L'ABISSO € 537.020 – 69.899 presenze
  • 03
    MISSION: IMPOSSIBLE - DEAD RECKONING PARTE UNO € 54.747 – 7.557 presenze

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Giovedì sorprendente.

Sembra proprio che si sia davvero riscoperto il cinema e come l’estate non sia un problema, anzi.

Mentre Barbie continua inarrestabile la sua corsa, con un totale di 22,1 milioni di euro e ben 3 milioni di spettatori, a colpire è soprattutto l’esordio di Shark 2 – l’abisso. Nel 2018 il primo film si era distinto, sempre in estate, con un totale a sorpresa di circa 5 milioni di euro, e il debutto di ieri conferma l’interesse nei confronti di questo action/horror sottomarino con Jason Statham alle prese con enormi megalodonti. Un debutto ottimo, superiore a quello di alcuni colossi recenti come Indiana Jones e il quadrante del destino (€ 378.240) e Mission: Impossible – Dead Reckoning parte uno (€ 320.881). A questo punto le possibilità per raggiungere, forse anche superare, il primo film ci sono tutte.

Completa il podio Tom Cruise con il suo Mission: Impossible – Dead Reckoning parte uno (totale a 4,3 milioni di euro), seguito dagli altri film di questa estate 2023: Elemental e Indiana Jones e il quadrante del destino (entrambi a poca distanza, con un totale di 5,8 milioni di euro). Titoli che con un andamento lento ma costante, privi dei superlativi lecitamente attesi, si stanno comunque distinguendo positivamente.

Un’estate unicamente di colossi americani, senza traccia del cinema italiano ed europeo che Cinema Revolution con il biglietto a 3,5 euro, avrebbe potuto e potrebbe ancora incentivare.

La domanda di questo sorprendente giovedì al box-office è quindi: ma se qualche colosso italiano che magari ingolferà la programmazione autunnale fosse uscito in questo periodo, il pubblico sarebbe accorso? Ovviamente considerazione logica da fare a posteriori, più difficile quando con mesi di anticipo si decide la programmazione e si riscontra la grande fatica di indurre il pubblico in sala. Il dubbio, comunque, resta. Di tutto questo fermento ne avrebbe beneficiato anche un titolo italiano atteso e importante? Il primo banco di prova è il 14 agosto con I peggiori giorni, forse non il film più atteso dell’anno, ma con attori noti e seguito di un titolo che si è comunque distinto (I migliori giorni – totale 1,9 milioni di euro). Vedremo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *