HORIZON: AN AMERICAN SAGA La seconda parte non uscirà al cinema nel mese di agosto  —  CINÉ 2024 2 – 5 Luglio 2024 - le Giornate Professionali di Cinema di Riccione

ANOTHER END

Più affascinante che riuscito

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

di Piero Messina con Gael García Bernal, Renate Reinsve, Bérénice Bejo, Olivia Williams, Pal Aron

L’immagine da cui il regista siciliano è partito, come da lui stesso dichiarato in conferenza stampa, è quella che conclude il film: i corpi di due sconosciuti in un letto illuminati dal primo sole del mattino. È ancora l’elaborazione del lutto a essere centrale nella sua visione, come nel precedente L’attesa: là era Juliette Binoche a fare i conti con una morte improvvisa, qui Gael García Bernal. In un brutto incidente ha perso la compagna e attraverso una nuova tecnologia accetta di rivivere alcuni momenti con lei attraverso il corpo di un’altra donna che si presta all’innesto di emozioni altrui. Un progetto affascinante, ancora una volta pensato in grande per un mercato internazionale, che sposa la fantascienza, molto minimale e baciata da una luce argentea e bluastra, con il dramma, dove sensi di colpa, sentimenti, questioni filosofiche e colpi di scena, si intrecciano non sempre con fluidità. Se si apprezza la messa in scena, curatissima, convince meno la scansione narrativa, soprattutto alla luce dello scioglimento finale che rimescola un po’ troppo le carte senza convincere troppo andando a ritroso. Colpisce che un film che smuove emozioni così forti e ancestrali alla fine lasci abbastanza freddini.

Ho scattato le foto alla conferenza stampa del film alla Berlinale 2024 dove era presente la delegazione al completo (gli interpreti e il regista).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *