IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 2 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 1 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

CANNES 2024

Presidente Giuria Internazionale

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Sarà l’attrice e regista Greta Gerwig a presiedere la Giuria Internazionale del prossimo Festival di Cannes.

Così è stato ufficializzato il suo importante ruolo sul sito del Festival di Cannes:

Dopo un anno in cui ha battuto ogni record con il suo film Barbie, la regista, sceneggiatrice e attrice americana Greta Gerwig presiederà la giuria del concorso lungometraggi del 77° Festival di Cannes, che si svolgerà dal 14 al 25 maggio 2024.

Eroina dei nostri tempi moderni, Greta Gerwig scuote lo status quo tra un’industria cinematografica altamente codificata e un’era che richiede maggiore espansività. Ed è una cinefila. “Adoro i film: adoro farli, adoro andarci, adoro parlarne. Come cinefilo, Cannes è sempre stata l’apice di quello che può essere il linguaggio universale del cinema. Trovarmi in un luogo di vulnerabilità, in un teatro buio pieno di sconosciuti, guardare un film nuovo di zecca è il mio posto preferito dove stare. Sono stupita, emozionata e onorata di ricoprire il ruolo di presidente della giuria del Festival di Cannes. Non vedo l’ora di vedere quali viaggi sono in serbo per tutti noi!

In meno di quindici anni, Greta Gerwig ha ottenuto riconoscimenti nel cinema americano e mondiale. Originaria di Sacramento, California, ma newyorkese d’adozione, lei che sognava di diventare una drammaturga ha creato il proprio percorso, con coerenza e gusto per il rischio, verso le vette dello splendore.

Ieri ambasciatrice del cinema indipendente americano, oggi al vertice del successo mondiale al botteghino, Greta Gerwig riesce a coniugare ciò che prima era giudicato incompatibile: realizzare blockbuster d’autore, ridurre il divario tra arte e industria, esplorare le questioni femministe contemporanee con lucidità e profondità, e dichiarando la sua impegnativa ambizione artistica all’interno di un modello economico che abbraccia per sfruttare al meglio.

Che si tratti di recitazione, scrittura o regia, i suoi sforzi artistici hanno leitmotiv ricorrenti, come gli sconvolgimenti familiari, i riti di passaggio adolescenziali, la paura di perdere lo status sociale o l’emergere di una vocazione artistica attraverso personaggi liberi, a volte fragili e marginali, ma anche feroci.

Iniziando come attrice, Greta Gerwig si è trasformata in una sceneggiatrice lavorando su una varietà di progetti. Ha co-scritto Hannah Takes the Stairs (2007) e Nights and Weekends (2008) che ha anche co-diretto, poi Frances Ha (2012), Mistress America (2015) e ovviamente Barbie con Noah Baumbach, suo complice nell’arte.

Il suo primo lavoro da solista, Lady Bird (2017) – un ritratto sorprendente, tenero e malinconico dei tormenti dell’adolescenza – è stato nominato per 5 Academy Awards, incluso quello per la miglior regia.

Per il suo secondo film, Greta Gerwig si è impadronita ambiziosamente del classico della letteratura americana del 1868 di Louisa May Alcott, Piccole Donne, sempre con l’intento di rileggere tutte le protagoniste femminili della storia, così da esaminare meglio la loro emancipazione in un mondo dominato dagli uomini. In una doppia lettura, la regista intraprende anche un sottile esame del proprio posto all’interno del sistema cinematografico e dei compromessi richiesti in termini di successo commerciale per attirare un pubblico di massa.

Infine, nel luglio 2023 è uscito nelle sale il suo ultimo lungometraggio, Barbie tornado, che solca lo stesso solco in modo ancora più spettacolare, affrontando quell’idolo ambivalente delle bambine, simbolo dell’oggetto femminile, ma anche della donna emancipata. In questa feroce satira sulla condizione umana, Greta Gerwig affronta il sessismo quotidiano e gli stereotipi con intenti gioiosi. Fenomeno culturale internazionale, Barbie è il più grande successo dell’anno e ha reso Greta Gerwig la regista donna più bancabile della storia.

Prima regista americana a ricoprire il ruolo di presidente di giuria al Festival di Cannes, Greta Gerwig, all’età di 40 anni, aggiunge un altro primato al suo nutrito palmarès: quello di diventare la persona più giovane ad assumere l’incarico dai tempi di Sofia Loren che aveva solo 31 anni nel 1966 ed è la seconda regista donna dopo Jane Campion nel 2014; e la seconda donna americana dopo Olivia de Havilland, prima donna presidente di giuria nel 1965.

Si tratta di una scelta obbligata, poiché Greta Gerwig incarna con tanta audacia il rinnovamento del cinema mondiale, di cui Cannes è ogni anno precursore e cassa di risonanza“, hanno affermato Iris Knobloch, presidente del Festival, e Thierry Frémaux, delegato generale. “Al di là della settima arte, è anche la rappresentante di un’epoca che sta abbattendo le barriere e mescolando i generi, elevando così i valori dell’intelligenza e dell’umanesimo”.

La foto di copertina e quella seguente le ho scattate al Festival di Venezia 2022 dove la Gerwig era nella delegazione di Rumore bianco, film di apertura di Noah Baumbach (anche lui nella foto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *