IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 2 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 1 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

LA PRESIDENTE DI VENEZIA 24

Si comincia a parlare del prossimo Festival di Venezia

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Deve ancora cominciare il Festival di Cannes che già si pensa al dopo estate, a Venezia. È stato infatti comunicato ufficialmente che a presiedere la Giuria della prossima edizione sarà l’attrice ISABELLE HUPPERT.  Non è la prima volta per l’attrice francese, non a Venezia, ma a Cannes, nel 2009, quando la Palma d’Oro andò, con qualche polemica, al film di Michael Haneke Il nastro bianco. Polemiche dovute alla conoscenza tra l’attrice e il regista che l’ha diretta in più film, sia prima (La pianista, Il tempo dei lupi) che dopo (Amour, Happy End) il prestigioso riconoscimento attribuito.

Dal sito della Biennale, le parole del Direttore della Mostra, Alberto Barbera, a motivazione della scelta:

“Isabelle Huppert è un’immensa attrice, esigente, curiosa e di grande generosità. Musa di numerosi grandi cineasti, non si è mai neppure sottratta all’invito di giovani o meno famosi registi che hanno visto in lei l’interprete ideale delle loro storie. La sua enorme disponibilità a mettersi costantemente in gioco, segno della sua non comune intelligenza, unitamente alla capacità di guardare al cinema al di là dei confini geografici e mentali, ne fanno un ideale Presidente di Giuria in un festival aperto al mondo intero quale è la Mostra del Cinema di Venezia. Le siamo molto grati per aver accettato l’incarico, consapevoli dei numerosi impegni al cinema e in teatro cui deve far fronte nei prossimi mesi“.

E quelle dell’attrice nell’accettare, con riconoscenza, l’importante incarico:

È una lunga e meravigliosa storia quella che mi lega alla Mostra di Venezia. Diventarne una spettatrice privilegiata è un onore. Oggi più che mai il cinema è una promessa. La promessa di evadere, di sconvolgerci, di sorprendere, di guardare il mondo in faccia, uniti nella diversità dei nostri gusti e delle nostre idee”.

Le foto dell’articolo le ho scattate durante alcuni Festival (Roma, Venezia, Cannes) nel corso degli anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *