CINEMA MODERNISSIMO Inaugurazione della nuova, meravigliosa, sala della Cineteca di Bologna  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (01/23_24) – PARTE 2 I TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

8 giugno 2023

DA OGGI NELLE SALE

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Nuovi film si profilano da oggi all’orizzonte e per tutti gusti, dal blockbuster alla fiaba italiana metropolitana, con qualche barlume di cinema medio. Vediamoli insieme:

DENTI DA SQUALO di Davide Gentile. Walter ha tredici anni e ha appena perso il padre. Mentre vaga lungo il litorale romano si imbatte in una villa abbandonata la cui piscina custodisce un segreto. Incuriosisce, vero? Tra i produttori Gabriele Mainetti e Andrea Occhipinti. Bello anche il poster.

TRANSFORMERS – IL RISVEGLIO di Steven Caple Jr. Settimo capitolo della saga Transformers, sequel di Bumblebee e secondo prequel di Transformers. Direi che può bastare. Solo per cultori della saga dei robottoni. Comunque Bumblebee era godibile.

PRIGIONE 77 di Alberto Rodríguez. Solido e appassionante prison movie spagnolo con il Miguel Herrán de La casa di carta ed Élite. Dal regista dell’apprezzato La isla minima.

MINDCAGE – MENTE CRIMINALE di Mauro Borrelli. Gli agenti Jake Doyle e Mary Kelly sono impegnati nella ricerca di un serial killer, che sembra imitare i crimini commessi da un altro assassino già incarcerato. Un po’ Il silenzio degli innocenti, un po’ Copycat. Con John Malkovich temibile serial killer.

OLGA di Elie Grappe. 2013. Una ginnasta quindicenne originaria dell’Ucraina è divisa tra la Svizzera, dove si sta allenando per il Campionato Europeo in preparazione delle Olimpiadi, e Kiev, dove sua madre lavora come reporter per Euromaïdan. Da una storia vera.

C’È DI NUOVO LA VALIGIA SUL LETTO di Eduardo Tartaglia. Sequel di LA VALIGIA SUL LETTO, moderato successo regionale del 2010.     

BLU E FLIPPY – AMICI PER LE PINNE di Mohammad Kheyrandish. Animazione per i più piccini che prevede un’avventura acquatica tra il bimbo Blu e il suo amico delfino Flippy. A incuriosire è soprattutto la provenienza iraniana.

ANIMAL HOUSE di John Landis. Torna il classico della comicità del 1978 con un irresistibile John Belushi. Da vedere e rivedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *