I DIECI MIGLIORI DEBUTTI DELLA STAGIONE 2023/2024 ...fino ad ora...  —  QUESTIONE DI SCELTE gli equilibri sottili tra cinema e streaming

ALESSANDRO D’ALATRI

Ci ha lasciati a 68 anni (3 maggio 2023)

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Ci ha lasciati a 68 anni ALESSANDRO D’ALATRI, infaticabile regista, soprattutto pubblicitario ma anche cinematografico, la cui caratteristica principale è forse la voglia di sperimentare.

I suoi esordi sono come attore, ma la sua palestra è nelle pubblicità, ne gira più di cento, alcune diventano tormentoni (“Una telefonata allunga la vita” con Massimo Lopez, ricordate?), molte vengono premiate.

Nella sua carriera anche molti video musicali (per artisti come Renato Zero, Negramaro, Elisa, Laura Pausini), tanta tv (I BASTARDI DI PIZZOFALCONE IL COMMISSARIO RICCIARDI, UN PROFESSORE) e alcuni film in cui porta personaggi fino ad allora solo televisivi (Fabio Volo, Paolo Bonolis).

Lo ricordiamo attraverso la sua filmografia cinematografica:

  • AMERICANO ROSSO (1991)
  • SENZA PELLE (1994)
  • IL PREZZO DELL’INNOCENZA (1996)
  • I GIARDINI DELL’EDEN (1998)
  • CASOMAI (2002)
  • LA FEBBRE (2005)
  • COMMEDIASEXI (2006)
  • SUL MARE (2010)

THE STARTUP (2017)

Avendo rivisto proprio ieri sera alla Cineteca di Bologna IL GIARDINO DEI FINZI CONTINI il mio ricordo va a lui dodicenne, splendente e con tutta la vita davanti, nel ruolo di Giorgio (il protagonista Lino Capolicchio) da ragazzino.

Voi con quale opera lo volete ricordare?