CINEMA REVOLUTION Edizione 2024  —  CINEMA IN FESTA Al via la quarta edizione

CAREY MULLIGAN

Scompare nei personaggi

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Compie 39 anni CAREY MULLIGAN, attrice britannica diventata nel tempo molto popolare.

Il suo debutto al cinema è in Orgoglio e pregiudizio (2005), nella parte di Kitty Bennet, ma è con An Education (2009), in cui Lone Scherfig la sceglie tra più di cento aspiranti al ruolo da protagonista, che ottiene una vera e propria consacrazione: viene infatti candidata all’Oscar, ai Golden Globe, agli Screen Actors Guild Award e ai Critics’ Choice Award.

Dopo non si è più fermata e, indipendentemene dal successo di pubblico che i film hanno ricevuto, si è sempre spesa in opere e ruoli mai banali.

Tre le candidature all’Oscar ricevute, sempre come attrice protagonista, per An Education (2010), Una donna promettente (2021) e Maestro (2024).

Ha partecipato anche a qualche serie e miniserie televisiva (Collateral, in cui interpreta la detective Kip Glaspie, è molto interessante) ed è attiva anche in campo teatrale (per Skylight è stata candidata al Tony Award).

Ma ecco la sua filmografia completa:

Orgoglio e pregiudizio di Joe Wright (2005)

And When Did You Last See Your Father? di Anand Tucker (2007)

Gli ostacoli del cuore di Shana Feste (2009)

An Education di Lone Scherfig (2009)

Nemico pubblico – Public Enemies di Michael Mann (2009)

Brothers di Jim Sheridan (2009)

Non lasciarmi di Mark Romanek (2010)

Wall Street – Il denaro non dorme mai di Oliver Stone (2010)

Drive di Nicolas Winding Refn (2011)

Shame di Steve McQueen (2011)

Il grande Gatsby di Baz Luhrmann (2013)

A proposito di Davis di Joel ed Ethan Coen (2013)

Via dalla pazza folla di Thomas Vinterberg (2015)

Suffragette di Sarah Gavron (2015)

Mudbound di Dee Rees (2017)

Wildlife di Paul Dano (2018)

Una donna promettente di Emerald Fennell (2020)

La nave sepolta di Simon Stone (2021)

Anche io di Maria Schrader (2022)

Maestro di Bradley Cooper (2023)

Saltburn di Emerald Fennell (2023)

Spaceman di Johan Renck (2024)

Ha una voce pazzesca, consiglio di sentirla recitare in originale, per me la sua struggente “New York, New York”, cantata in chiave blues, in Shame è una sequenza meravigliosa, di quelle che restano nel tempo, ma è stata straordinaria anche nel difficile ruolo di Cassie in Una donna promettente, progetto in cui ha fortemente creduto e che ha anche prodotto.

È sposata con Marcus Mumford, il cantante dei Mumford&sons, amico d’infanzia incontrato sul set di A proposito di Davies a cui lavoravano entrambi, lei come interprete e lui come associate music producer. Hanno tre figlie e non fanno particolare vita mondana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *