CINEMA REVOLUTION Edizione 2024  —  CINEMA IN FESTA Al via la quarta edizione

GENE WILDER

induce al buonumore

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Compirebbe 91 anni GENE WILDER, icona di comicità made in U.S.A. dalla mimica irresistibile.

La sua carriera, in cui è stato non solo attore ma anche regista, sceneggiatore e pure scrittore, alterna grandi successi e grandi flop, a dimostrazione della determinazione che è necessaria per parare tutti i colpi e guardare sempre avanti nell’inseguire il sacro fuoco dell’arte (e la volubilità dei gusti del pubblico), come poi in tutti i campi.

Il ruolo per cui sarà universalmente ricordato è di sicuro quello del dottor Frederick Frankenstein nel film di Mel Brooks Frankenstein Junior (1974), per cui venne candidato all’Oscar come co-sceneggiatore, ma già prima, anche se è divenuto un cult nel tempo, aveva colpito interpretando Willy Wonka in Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971).

E prima ancora c’era stato Per favore, non toccate le vecchiette (1968), sempre di Mel Brooks, con cui venne candidato all’Oscar come non protagonista, e un altro suo ruolo mitico è quello del protagonista di La signora in rosso (1984), che ha anche diretto.

Molti altri i film che ha interpretato e con cui ci ha divertito, tra cui Wagons-Lits con omicidi (1976) di Arthur Hiller, Scusi, dov’è il west? (1979) di Robert Aldrich e Non guardarmi: non ti sento (1989) sempre di Arthur Hiller.

Ci ha lasciati purtroppo nel 2016, a 83 anni.

Ecco la sua filmografia da attore cinematografico:

Gangster Story di Arthur Penn (1967)

Per favore, non toccate le vecchiette di Mel Brooks (1968)

Fate la rivoluzione senza di noi di Bud Yorkin (1970)

Che fortuna avere una cugina nel Bronx! di Waris Hussein (1970)

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato di Mel Stuart (1971)

Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso* *ma non avete mai osato chiedere di Woody Allen (1972)

Il rinoceronte di Tom O’Horgan (1974)

Mezzogiorno e mezzo di fuoco di Mel Brooks (1974)

Il piccolo principe di Stanley Donen (1974)

Frankenstein Junior di Mel Brooks (1974)

Il fratello più furbo di Sherlock Holmes di Gene Wilder (1975)

Wagons-lits con omicidi di Arthur Hiller (1976)

Il più grande amatore del mondo di Gene Wilder (1977)

Scusi, dov’è il West? di Robert Aldrich (1979)

I seduttori della domenica di Gene Wilder (1980)

Nessuno ci può fermare di Sidney Poitier (1980)

Hanky Panky – Fuga per due di Sidney Poitier (1982)

La signora in rosso di Gene Wilder (1984)

Luna di miele stregata di Gene Wilder (1986)

Non guardarmi: non ti sento di Arthur Hiller (1989)

Bebè mania di Leonard Nimoy (1990)

Non dirmelo… non ci credo di Maurice Phillips (1991)

La foto di copertina è STEVE WOOD/REX/Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *