CINEMA REVOLUTION Edizione 2024  —  CINEMA IN FESTA Al via la quarta edizione

EUROPEAN FILM AWARDS 2023

I vincitori

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Sono stati consegnati a Berlino gli European Film Awards, noti anche come EFA, in rapida sintesi gli Oscar Europei, attribuiti dall’Accademia Europea del Cinema al meglio della produzione cinematografica europea.

Non se n’è parlato granché nei media italiani, ma sono un riconoscimento molto importante che indirizza lo sguardo verso i film che saranno al centro dell’interesse nel corso della stagione dei premi. Asso pigliatutto di questa edizione è stato Anatomia di una caduta che ha ottenuto cinque importanti riconoscimenti. Per la bravissima Sandra Hüller è sempre più spianata la strada verso la nomination agli Oscar.

Tre premi anche a The Promised Land, tra cui quello per il migliore attore a Mads Mikkelsen. L’Italia compare tra i premiati grazie alle scenografie de La chimera. Ma vediamo tutti i riconoscimenti attribuiti:

MIGLIOR FILM: Anatomia di una caduta di Justine Triet

MIGLIOR DOCUMENTARIO: Smoke Sauna Sisterhood di Anna Hints (Est/Fra/Isl)

MIGLIOR REGISTA: Justine Triet (Anatomia di una caduta)

MIGLIOR ATTRICE: Sandra Hüller (Anatomia di una caduta)

MIGLIOR ATTORE: Mads Mikkelsen (The Promised Land)

MIGLIOR SCENEGGIATURA: Justine Triet e Arthur Harari (Anatomia di una caduta)

MIGLIOR ANIMAZIONE: Robot Dreams di Pablo Berger

MIGLIORE FOTOGRAFIA: Rasmus Videbæk (The Promised Land)

MIGLIORE MONTAGGIO: Laurent Sénéchal (Anatomia di una caduta)

MIGLIORE SCENOGRAFIA: Emita Frigato (La chimera)

MIGLIORI COSTUMI: Kicki Ilander (The Promised Land)

MIGLIOR TRUCCO: Ana López-Puigcerver, Belén López-Puigcerver, David Martí & Montse Ribé (La sociedad de la nieve)

MIGLIORE COLONNA SONORA: Markus Binder (Club Zero)

MIGLIORE SUONO: Johnnie Burn & Tarn Willers (La zona d’interesse)

MIGLIORI EFFETTI VISIVI: Félix Bergés, Laura Pedroper (La sociedad de la nieve)

EUROPEAN DISCOVERY – Premio Fipresci – assegnato a un regista al suo primo lungometraggio (in collaborazione con la FIPRESCI, la Federazione Internazionale dei Critici Cinematografici): How To Have Sex di Molly Manning Walker (UK/Gre)

“EUROPEAN SHORT FILM”: Hardly Working directed by Total Refusal: Susanna Flock, Robin Klengel, Leonhard Müllner and Michael Stumpf (Austria)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *