IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (02/23_24) – PARTE 2 II TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (02/23_24) – PARTE 1 II TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

OSCAR 2024

Tutte le nomination

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Nomination agli Oscar in linea con le aspettative, con Oppenheimer che diventa ufficialmente il front runner della stagione grazie a 13 nomination. A dargli filo da torcere più di Barbie (8 nomination, ma non ne sono andate a bersaglio due di peso, per la regia di Greta Gerwig e l’interpretazione di Margot Robbie), sono Povere creature! (11) e Killers of the Flower Moon (10), con Martin Scorsese che diventa il regista vivente con più candidature (con la decima ha superato le 9 di Steven Spielberg). Record anche per John Williams alla 54esima nomination (lo supera solo Walt Disney con 59). Ha poi 7 candidature Maestro, anche se probabilmente poche andranno a segno, ma la vera sorpresa sono le 5 di Anatomia di una caduta e di La zona d’interesse, con uno sguardo sempre più pronunciato dell’Academy verso i film d’autore provenienti dai festival più importanti. Da segnalare anche la quindicesima nomination per Diane Warren, autrice della canzone di Flamin’ Hot, il film di Eva Longoria, ma con tutta probabilità anche quest’anno difficilmente vincerà (l’anno scorso è stata però premiata con un meritato Oscar onorario).

A uscirne ridimensionati sono soprattutto Past Lives, con due nomination, May December (Charles Melton pareva una certezza) e Ferrari con una soltanto e il chiacchierato Saltburn e l’apprezzato Estranei del tutto a bocca asciutta. Tra gli esclusi non si può non citare Willem Dafoe per Povere creature! e a questo punto tutto il tifo è per Mark Ruffalo, anche se pigramente vincerà Robert Downey Jr.

Tra le sorprese, invece, il riscatto di Napoleon (3), le due nomination alle interpreti del poco discusso (e per me non un granché) Nyad, la nomination, invero un po’ generosa, per America Ferrera come non protagonista per Barbie, la fotografia, in effetti bellissima, di El Conde e gli effetti speciali di Godzilla: Minus One.

Ma la super sorpresa batte bandiera italiana, perché Io capitano di Matteo Garrone ce l’ha fatta a rientrare nella cinquina a dispetto delle cassandre che lo davano per certo come escluso con al suo posto Foglie al vento.

Ricordo che gli Oscar saranno consegnati il 10 marzo 2024 al Dolby Theatre di Los Angeles.

Ed ora ecco un breve riepilogo (in ordine alfabetico) del numero di candidature dei film più discussi e a seguire tutte le nomination:

American Fiction 5
Anatomia di una caduta 5
Barbie 8
The Holdovers 5
Maestro 7
Past Lives 2
Oppenheimer 13
Povere Creature! 11
La zona di interesse 5

MIGLIOR FILM
American Fiction
Anatomia di una caduta
Barbie
The Holdovers
Killers of the Flower Moon
Maestro
Past Lives
Oppenheimer
Povere Creature!
La zona di interesse

MIGLIOR REGIA
Justine Triet – Anatomia di una caduta
Jonathan Glazer – 
La zona di interesse
Yorgos Lanthimos – 
Povere Creature!
Christopher Nolan – 
Oppenheimer
Martin Scorsese – 
Killers of the Flowers Moon

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA
Annette Bening – Nyad
Lily Gladstone – 
Killers of the flower moon
Sandra Hüller – 
Anatomia di una caduta
Carey Mulligan – 
Maestro
Emma Stone – 
Povere Creature!

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
Bradley Cooper – Maestro
Colman Domingo – 
Rustin
Paul Giamatti – 
The Holdovers
Cillian Murphy – 
Oppenheimer
Jeffrey Wright – 
American Fiction

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
Emily Blunt – Oppenheimer
Danielle Brooks – 
Il colore viola
America Ferrera –
 Barbie
Jodie Foster – 
Nyad
Da’Vine Joy Randolph – 
The Holdovers

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
Sterling K. Brown – American Fiction
Robert DeNiro –
Killers of the Flower Moon
Robert Downey Jr. – 
Oppenheimer
Ryan Gosling –
 Barbie
Mark Ruffalo – 
Povere creature!

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
Justine Triet e Arthur Harari – Anatomia di una caduta
David Hemingson – The Holdovers
Bradley Cooper e Josh Singer – Maestro
Samy Burch e Alex Mechanik – May December
Celine Song – Past Lives

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Cord Jefferson – American Fiction
Greta Gerwig e Noah Baumbach – Barbie
Christopher Nolan – Oppenheimer
Tony McNamara – Povere creature!
Jonathan Glazer – La zona di interesse

MIGLIOR FILM INTERNAZIONALE
Io capitano (Italia)
Perfect Days (Giappone)
La società della neve (Spagna)
The Teachers’ Lounge (Germania)
La zona di interesse (Regno Unito)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
Il ragazzo e l’airone
Elemental
Nimona
Robot Dreams
Spider-Man: Across the Spider-Verse

MIGLIOR MONTAGGIO
Laurent Sénéchal – Anatomia di una caduta
Kevin Tent –
The Holdovers
Thelma Schoonmaker –
Killers of the Flower Moon
Jennifer Lame –
Oppenheimer
Yorgos Mavropsaridis –
Povere creature!

MIGLIOR SCENOGRAFIA
Sarah Greenwood e Katie Spencer – Barbie
Jack Fisk e Adam Willis –
Killers of the Flower Moon
Arthur Max e Elli Griff –
Napoleon
Ruth de Jong e Claire Kaufmann –
Oppenheimer
James Price, Shona Heath e Zsuzsa Mihalek –
Povere creature!

MIGLIOR FOTOGRAFIA
Edward Lachman – El Conde
Rodrigo Prieto –
Killers of the Flower Moon
Matthew Libatique –
Maestro
Hoyte van Hoytema –
Oppenheimer
Robbie Ryan –
Povere creature!

MIGLIORI COSTUMI
Jacqueline Durran – Barbie
Jacqueline West –
Killers of the Flower Moon
Janty Yates e Dave Crossman –
Napoleon
Ellen Mirojnick –
Oppenheimer
Holly Waddington –
Povere creature!

MIGLIORI TRUCCO E ACCONCIATURE
Karen Hartley Thomas, Suzi Battersby e Ashra Kelly-Blue – Golda
Kazu Hiro, Kay Georgiou e Lori McCoy-Bell –
Maestro
Luisa Abel –
Oppenheimer
Nadia Stacey, Mark Coulier e Josh Weston –
Povere creature!
Ana López-Puigcerver, David Martí e Montse Ribé –
La società della neve

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI
Jay Cooper, Ian Comley, Andrew Roberts and Neil Corbould – The Creator
Takashi Yamazaki, Kiyoko Shibuya, Masaki Takahashi and Tatsuji Nojima – Godzilla: Minus One
Stephane Ceretti, Alexis Wajsbrot, Guy Williams and Theo Bialek – Guardians of the Galaxy Vol. 3
Alex Wuttke, Simone Coco, Jeff Sutherland and Neil Corbould – Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One
Charley Henley, Luc-Ewen Martin-Fenouillet, Simone Coco and Neil Corbould – Napoleon

MIGLIOR SONORO
Ian Voigt, Erik Aadahl, Ethan Van der Ryn, Tom Ozanich and Dean Zupancic – The Creator
Steven A. Morrow, Richard King, Jason Ruder, Tom Ozanich and Dean Zupancic – Maestro
Chris Munro, James H. Mather, Chris Burdon and Mark Taylor – Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One
Willie Burton, Richard King, Gary A. Rizzo and Kevin O’Connell – Oppenheimer
Tarn Willers and Johnnie Burn – La zona di interesse

MIGLIOR COLONNA SONORA
Laura Karpman – American Fiction
John Williams – Indiana Jones e il quadrante del destino
Robbie Robertson – Killers of the Flower Moon
Ludwig Göransson – Oppenheimer
Jerskin Fendrix – Povere creature!

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
American Symphony: “It Never Went Away” (di Jon Batiste e Dan Wilson)
Barbie: “I’m Just Ken” (di Mark Ronson e Andrew Wyatt)
Killers of the flower moon: “Wahzhazhe (A Song for My People)” (di Scott George)
Flamin’ Hot: “The Fire Inside” (di Diane Warren)
Barbie: “What Was I Made For?” (di Billie Eilish e Finneas O’Connell)

MIGLIOR DOCUMENTARIO
Bobie Wine: The People’s President
The Eternal Memory
Four Daughters
To Kill a Tiger
20 Days in Mariupol

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
The ABCs of Book Banning
The Barber of Little Rock
Island in Between
The Last Repair Shop
Nǎi Nai and Wài Pó

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
The After
Invincible
Knight of Fortune
Red, White and Blue
The Wonderful Story of Henry Sugar

MIGLIOR CORTO ANIMATO
Letter to a Pig
Ninety-Five Senses
Our Uniform
Pachyderme
War is Over! Inspired by the Music of John & Yoko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *