IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 2 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 1 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

COSA RESTA DEI FILM SU PIATTAFORMA?

vedere un film in streaming o in sala è diverso

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

La domanda sorge dopo avere visto Tyler Rake 2 su Netflix e avere constatato che del primo, a suo tempo apprezzato come solido intrattenimento, non ricordavo una sola sequenza. E dire che erano girate bene, coreografate benissimo, interpretate da una delle superstar del momento, eppure niente che sia rimasto agganciato da qualche parte in quel contenitore, non inesauribile, che è la memoria (perlomeno la mia).

Come mai tutto ciò?

Uno dei motivi, non l’unico (una certa ripetitività del genere di sicuro non aiuta), è il fatto che l’ho visto in streaming. Visione nelle intenzioni senza interruzioni, ma poi suonano il campanello, mio figlio riceve una telefonata, “ehi, ci facciamo i popcorn al microonde?”, pausa pipì, “Vado solo un attimo di là!”, “Intanto sparecchio!”, insomma, dov’è quel tempo magico e sacrosanto dedicato solo ed esclusivamente al nostro piacere dato dalla visione di un film al cinema? Dove lo spettacolo comincia quando decidiamo di concederci un po’ di tempo solo per noi (e per le persone con cui vogliamo condividerlo), varchiamo la soglia del cinema, guardiamo qualche trailer e il logo della casa di distribuzione annuncia che la realtà sta per uscire di scena per fare posto a storie di altri che, finalmente, non siamo noi. Lo schermo grande amplifica sensazioni ed emozioni e per un paio di ore siamo qualcun altro. Non sempre, come da retorica della sala, qualcuno che vorremmo essere – non tutti i film ci fanno sognare, inteso come trasportare in un altrove in cui vorremmo stare – ma a volte qualcuno che proprio non vorremmo assolutamente essere. L’importante è uscire da noi stessi e vivere un confronto così potente come l’arte (teatro e libri non sono da meno) è in grado di offrire.

Ecco, con la visione dei film in streaming, che sia sullo schermo di un computer, in tv, su table o cellulare, tutto ciò si attutisce e perde vigore, diventa qualcosa di ordinario, piccolino, a misura di quotidiano, insomma, non bigger than life.

Proviamo a pensarci: quali sono i film dei colossi dello streaming che ci sono rimasti in mente? Se chiudo gli occhi senza pensarci troppo mi vengono in mente le dissonanze de Il potere del cane, il bianco e nero di Roma, i bambini soldato di Beasts of No Nation (primo lungometraggio targato Netflix), tutti film che ho avuto la fortuna di vedere però su grande schermo.

Poi, non bisogna generalizzare, per dire, I Care a Lot l’ho apprezzato parecchio e l’ho chiaro in mente anche se visto in televisione, così come il disturbante Fresh; On the Line con Mel Gibson, invece, sarebbe stato esornativo anche visto al cinema, così come la frastornante insensatezza di Red Notice che mi avrebbe fatto addormentare anche su uno schermo grande.

Però, mediamente, posso dire che i film visti in tv li ricordo molto meno di quelli visti al cinema.

Al di là del personale percepito, però, una cosa è oggettiva: i film dei colossi streaming, dopo la settimana o due in cui diventano argomento di conversazione e sembrano imprescindibili, finiscono nell’oblio, a confondersi in un archivio sempre più grande in attesa di finire tra le preferenze di qualche utente in base alle imponderabili decisioni di un algoritmo che li seleziona; ma non colonizzano l’immaginario, non creano fenomeni e tendenze, gli manca tutto il pre e tutto il post di un film che nasce per la sala e da lì comincia (non conclude) la sua vita. Quindi un film previsto solo per lo streaming rimane in catalogo, è teoricamente disponibile e alla portata di tutti (i clienti della piattaforma), ma chi se ne interessa più?

Ah per Tyler Rake 2 vale lo stesso discorso fatto per il primo film: girato benissimo, ma oltre all’azione, ben coreografata, c’è di più? Io me lo sto già dimentican…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *