IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (02/23_24) – PARTE 2 II TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (02/23_24) – PARTE 1 II TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

I FILM DELLE FESTE

Guida per districarsi tra i film in programmazione

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Ormai ci siamo, domani è Natale e cominciano le settimane in cui tutti, ma proprio tutti, una scappata al cinema la fanno, o dovrebbero farla. L’offerta è molto ampia e include film in programmazione già da un po’ e nuove uscite fresche fresche.

Ecco un sintetico riepilogo su ciò che troverete nelle sale. L’ordine è in base al numero di sale in cui il film è programmato (secondo il report Cinetel del 23 dicembre 2023, quindi suscettibile di variazioni nei prossimi giorni), dal più diffuso al meno diffuso. Se il titolo è cliccabile trovate anche la recensione.

WONKA (552 sale). Racconta le origini di Willy Wonka, protagonista del romanzo “La fabbrica di cioccolato” pubblicato da Roald Dahl nel 1964, si tratta quindi di un prequel. Riuscirà Timothée Chalamet a non far rimpiangere Johnny Deep, ma soprattutto Gene Wilder?

SANTOCIELO (546 sale). Un’Assemblea Celeste in Paradiso decide di mandare sulla Terra un emissario per far nascere il nuovo Messia. Ma se ci sono Ficarra & Picone, impossibile che vada tutto secondo i piani.

WISH (470 sale): 62° classico Disney nato con la volontà di celebrare il 100º anniversario dei Walt Disney Animation Studios. Un racconto di animazione che combina Idealismo, amicizia e magia dei sogni per intrattenere grandi e piccini.

FERRARI (419 sale): Adam Driver è Enzo Ferrari, Penelope Cruz sua moglie Laura e Shailene Woodley l’amante Lina Lardi. Biopic di un mito dell’imprenditoria italiana in una produzione tutta americana diretta da un regista altrettanto mitico.

AQUAMAN E IL REGNO PERDUTO (334 sale): Dopo il grande successo di Aquaman nel 2018 (più di 1,1 mliardi di dollari in tutto il mondo), torna Jason Momoa nel quindicesimo film del DC Extended Universe. È anche l’ultimo, perché l’universo DC Comics è oggetto di revisione, con i nuovi leader James Gunn e Peter Safran – a controllo da novembre 2022 dei DC Studios che hanno sostituito i DC Films – che stanno organizzando una ristrutturazione del settore. Termina quindi un capitolo e se ne apre un altro che darà i suoi prim frutti nel 2025 con Superman: Legacy. Non resta che gustarsi la fine di un’era.

C’E’ ANCORA DOMANI (263 sale). E’ la sorpresa della stagione, il film italiano dei record, da nove settimane in top-10 e a un soffio come incassi dal primato di Barbie (come spettatori lo ha già superato). Segna il debutto alla regia dell’amatissima Paola Cortellesi. Il film è un dramedy, quindi incrocia commedia e dramma, ed è ambientato nel Secondo Dopoguerra. Racconta la storia e l’evoluzione di Delia, da moglie di Ivano e madre di tre figli a donna in cerca di un futuro migliore, non solo per lei. 

ADAGIO (285 sale). Un thriller italiano dal grande cast e diretto da uno dei registi nostrani dallo sguardo più internazionale. In una Roma che brucia di tensione si muovono i destini di Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Adriano Giannini e Pierfrancesco Favino “in uno dei suoi migliori travestimenti”.

PRENDI IL VOLO (245 sale). Una famiglia di germani reali convince il loro padre iperprotettivo ad andare in vacanza per sempre migrando dal New England alle Bahamas. Sarà una grande avventura. Animazione targata Illumination trasversale e in grado di divertire tutti, non solo i più piccini.

ONE LIFE (199 sale): Nicholas Winton salvò 669 bambini ebrei prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Dopo cinquant’anni di silenzio il mondo lo scoprì nel 1988 grazie a un programma televisivo. Una storia vera che fa piangere già vedendo il trailer. Se poi aggiungiamo attori del calibro di Anthony Hopkins, Helena Bonham Carter e Jonathan Pryce, il grande spettacolo è garantito.

UN COLPO DI FORTUNA (116 sale). Dopo alcune prove un po’ opache, al cinquantesimo film il grande regista newyorchese graffia ancora. Non è il capolavoro che leggerete in giro, ma un’opera gradevole che scivola che è un piacere. E poi, tutti sti capolavori, chi li vuole? A volte si vuole solo un buon film che intrattenga in modo intelligente.

FOGLIE AL VENTO (91 sale). Un uomo e una donna si incontrano per caso una notte a Helsinki. Sarà l’occasione per concedersi un po’ di tenerezza, ma la strada sarà lunga e irta di ostacoli. Cinema personale e riconoscibile del più famoso regista finlandese (le facce dei film di Aki Kaurismaki “esistono” solo nei suoi film). A Cannes, dove era in concorso, ha vinto il Premio della Giuria.

NAPOLEON (49 sale). Le origini dell’imperatore e leader militare francese e la sua rapida e spietata ascesa come imperatore, con particolare attenzione al rapporto con Giuseppina, sua moglie e unico vero amore. Nel ruolo di Napoleone l’ineguagliabile Joaquin Phoenix, sua moglie Giuseppina è Vanessa Kirby e in regia Ridley Scott uno dei più grandi registi della contemporaneità.

LA CHIMERA (40 sale). Autrice più apprezzata all’estero che in Italia, Alice Rohrwacher segue coordinate tutte sue. Questa volta l’ambientazione è tra i cosiddetti “tombaroli” del litorale tirrenico, ma inutile raccontare la trama, è un film fatto di immagini e sensazioni, va quindi visto e non raccontato. Era in concorso al Festival di Cannes.

PALAZZINA LAF (23 sale): Taranto, anni ’90. La Laf era la palazzina nella quale i proprietari e i dirigenti dell’Ilva di Taranto confinarono gli impiegati che si erano opposti al declassamento a operai. Non potevano essere licenziati, quindi venivano concentrati alla Laf a non fare niente. Opera prima di Michele Riondino già definita La classe operaia va in paradiso del nuovo millennio. Nel cast, oltre allo stesso Riondino, anche Elio Germano, Valeria Scalera, Anna Ferruzzo e Paolo Pierobon.

TUTTI A PARTE MIO MARITO (23 sale). Un marito meraviglioso, due figlie perfette, un fiorente studio dentistico: tutto va bene per Iris, ma da quanto tempo non fa l’amore? Dietro consiglio di una conoscente, la donna si iscrive a una app di dating e scoperchia il vaso di Pandora! Una commedia leggera e ironica sulla liberazione del piacere femminile. Con la talentuosa Laure Calamy (la ricordate nell’irresistibile “Chiami il mio agente!?)

IL FARAONE, IL SEVAGGIO E LA PRINCIPESSA (15 sale). Un film di Michel Ocelot, sì quello della serie di Kiriku, è sempre un dono. Questa volta si intrecciano tre storie: una ambientata nell’antico Egitto, una nell’Alvernia del Medioevo e una romantica nell’Oriente del XVIII secolo. Animazione europea alla ricerca del sense of wonder.

IL MAESTRO GIARDINIERE (15 sale). Un esperto orticoltore cura i giardini nella grande tenuta di una ricca vedova. La donna gli affida la inquieta nipote cone apprendista. Il triangolo che si crea sbilancerà gli equilibri, anche perché c’è un passato oscuro che ritorna. In regia c’è Schrader, quindi non si sfugge alle colpe commesse. È stato presentato Fuori Concorso al Festival di Venezia 2022.

THE OLD OAK (12 sale). L’Old Oak del titolo è l’ultimo pub rimasto per i lavoratori di una comunità mineraria, un tempo florida ma oggi in dismissione dopo trent’anni di crisi. La situazione cambia quando arriva sul posto un gruppo di rifugiati siriani. Un altro tassello del cinema militante di Ken Loach. Era in concorso al Festival di Cannes.

ANATOMIA DI UNA CADUTA (11 sale). Un uomo, una donna e un bambino. L’uomo muore cadendo dal primo piano dello chalet di montagna dove abitano. Si tratta di un incidente? Magari un suicidio? Oppure è stato spinto? Un’indagine fredda eppure appassionante, soprattutto sui nervi scoperti della contemporaneità. Da non perdere. Palma d’Oro al Festival di Cannes con una stratosferica Sandra Hüller.

IMPROVVISAMENTE A NATALE MI SPOSO (11 sale). Sequel di Improvvisamente Natale, uscito direttamente in streaming esattamente un anno fa. Questa volta nonno Lorenzo, che abita in un albergo di montagna, sciocca la famiglia, riunitasi per le festività, annunciando la sua intenzione di sposarsi con la nuova fidanzata. Lui è sempre Diego Ababtantuono, lei una rediviva Carol Alt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *