IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 2 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 1 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

MEGALOPOLIS

Grande attesa per il nuovo film di Francis Ford Coppola

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

Si fa un gran parlare di MEGALOPOLIS perché si tratta dell’ultimo film di un maestro come Francis Ford Coppola che con film come la trilogia de Il padrino, La conversazione, Apocalypse Now, ha fatto la storia del cinema. Negli ultimi anni è stato poco prolifico e gli ultimi film (Un’altra giovinezza nel 2007, Segreti di famiglia nel 2009 e Twixt nel 2011) non hanno lasciato particolare traccia. Sul nuovo film ci sono però molte aspettative.

Si tratta infatti di un progetto avvolto nel mistero di cui si parla da anni, a cui il regista ha cominciato a pensare dagli anni ’80 e in cui crede moltissimo, tanto da autofinanziarlo con un budget di 120 milioni di dollari. Ad aggiungere ulteriore mistero il fatto che sono trapelate voci di dissidi sul set, tanto che alcune figure di rilievo ingaggiate sono poi state licenziate (la scenografa Beth Mickle, il direttore artistico David Scott, Mark Russell e il suo team per gli effetti visivi).

Incuriosisce anche il cast che comprende Adam Driver, Nathalie Emmanuel, Giancarlo Esposito, Laurence Fishburne, Aubrey Plaza, Shia LaBeouf e Dustin Hoffman. Ma ci sono anche, in ruoli minori, Jason Schwartzman, Jon Voight e Talia Shire.

Ma di cosa parla il film?

Appartiene al genere fantascienza distopica. New York è stata devastata da una catastrofe e per la sua ricostruzione si fronteggiano due differenti prospettive, una progressista e l’altra conservatrice.

Nel mese di marzo c’è stata una prima proiezione privata all’Universal CityWalk IMAX Theatre di Hollywood e i primi commenti sono stati positivi (“una favola epica e altamente visiva che viene riprodotta perfettamente su uno schermo IMAX ed è ricca di idee che fondono il passato con il futuro”, dice il giornalista Mike Fleming).

Chi si aspetta (o teme) di dovere passare la giornata al cinema a causa di una durata fiume resterà deluso (o rincuorato). Pare infatti che duri due ore e tredici minuti, ormai tempi standard.

Resta la curiosità di capire se arriverà in qualche festival internazionale o affronterà direttamente la sala cinematografica. Il dubbio su Cannes, dove è stato più volte annunciato e controannunciato, sarà sciolto giovedì 11 aprile, con la presentazione del programma.

Un punto fermo è però che uscirà entro il 2024.

Insomma, tanti dubbi e un’unica certezza: sarà un film di cui si parlerà.

to be continued

Intanto, una foto dal set (sui social ne sono trapelate varie) con Adam Driver:

e una con un irriconoscibile Shia LaBeouf:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *