IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 2 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024  —  IL BARO-METRO: SGUARDI DALLA SALA (03/23_24) – PARTE 1 III TRIMESTRE STAGIONE 2023 / 2024

SUPER MARIO BROS – IL FILM

Tutti pazzi per Super Mario?...O tutti pazzi?

di Luca Baroncini (pubblicato in data )

di Aaron Horvath e Michael Jelenic

Ci sono film che hanno il potere di farti sentire inadeguato. SUPER MARIO BROS è uno di questi, perché fatichi a partecipare al tripudio generale che lo circonda a ogni latitudine. Il fatto è che è un prodotto costruito a uso e consumo della fan base e il suo enorme successo deriva dal fatto che la fan base è planetaria. L’origine è infatti l’omonimo videogioco uscito nel 1985 che ha venduto nel mondo 40 milioni di copie dando origine a innumerevoli versioni e varianti. L’operazione dal punto di vista commerciale funziona a meraviglia, non a caso il film è coprodotto da Nintendo, e la Illumination dissemina ovunque rimandi a un immaginario noto che fanno la gioia di chi in quei dettagli riconosce un pezzo del suo vissuto; dal punto divista cinematografico, però, funziona molto meno. L’andamento è tanto sostenuto da un ritmo vorticoso e da una grande perizia tecnica quanto piatto dal punto di vista narrativo, con personaggi che non diventano mai vivi, pulsanti e capaci di uscire da ciò che rappresentano. Finisce quindi che se non si è già parte del gioco si fatica a giocare, perché il film si limita a compiacere il suo ampio pubblico di riferimento. Nella roboante, coloratissima e interminabile successione di momenti action, poche risate e poco coinvolgimento, perché tutto corre e va. La principessa esce dai canoni della principessa delle fiabe ed è parte attiva dell’azione, ma Fiona di SHREK se la magna in un boccone. Finale a sganassoni come al solito. Ben vengano operazioni che riescono a (ri)portare il pubblico in sala, ma colpisce che il pubblico si muova in massa solo per guardarsi allo specchio e darsi pacche sulle spalle.